Libri, Saggi

Le donne di Alessandro Magno | Il libro di Valeria Palumbo

Se amate la storia e le biografie non potete perdervi il libro di Valeria Palumbo, Le donne di Alessandro Magno, edito da Enciclopedia delle donne.

Questo libro in realtà è molto di più di un libro biografico, perché l’autrice, oltre a proporci i profili di persone che dal punto di vista affettivo hanno avuto a che fare con Alessandro, ci parla dei fatti storici e delle sue conquiste militari. L’aspetto assai originale del libro – che avevo già riscontrato il Io, Teodora, sempre edito Enciclopedia delle donne – è il fatto che i protagonisti di questo libro parlano in prima persona. Si tratta di un libro corale, tante voci a raccontare di sé e del mondo circostante. Infatti, attraverso queste dieci voci riusciamo a costruire le sfumature di un uomo, di un politico, di un condottiero che ha reso grande non solo se stesso, ma anche la Grecia.

Chi sono questi 10 personaggi? Di seguito in breve i dieci profili:

  1. Olimpiade
    Madre di Alessandro, moglie di Filippo II di Macedonia e principessa dell’Epiro. Favorì l’ascesa del figlio al trono, si occupò della Macedonia in sua assenza, continuò la battaglia per l’erede dopo la sua morte.

    Ada
  2. Ada
    Regina in esilio della Caria, in Asia minore. Ebbe indietro il trono da Alessandro che accettò di considerarla sua madre adottiva.

 

  1. Taide
    Taide e Alessandro mentre appiccano l’incendio

    Alessandro e Taide mentre appiccano l’incendio al palazzo di Persepoli
    Cortigiana ateniese. Si narra che provocò l’incendio del palazzo reale di Persepoli, per vendicare Atene. Divenne la concubina di Tolomeo, storico, generale e amico di Alessandro, oltre che fondatore della dinastia egizia dei Tolomei.

  2. Sisigambi
    Sisigambi prostrata davanti ad Alessandro

    Madre di Dario III, re dei persiani sconfitto da Alessandro. Fu fatta prigioniera ma Alessandro la chiamò “madre”, le concesse grandi onori e in seguito la liberò.

  3. Barsine
    Barsine

    Nobile persiana, sposa prima dei generali Mentore e Memnone, tra loro fratelli, e poi amante di Alessandro a cui diede un figlio, Eracle.

  4. Roxane
    Roxane e Alessandro

    Figlia di Ossiarte, signore della Battriana. Fu scelta come prima moglie da Alessandro che si innamorò di lei. Quando Alessandro morì, lei, che era in attesa di suo figlio, il futuro Alessandro IV, ne raccolse l’ultimo respiro.

  5. Statira
    Statira e Alessandro in un affresco di Pompei

    Figlia di Dario III, re dei persiani. Fu fatta prigioniera dai macedoni, con la madre e la nonna, dopo la battaglia di Isso. Nove anni più tardi sposò Alessandro.

  6. Candace
    Regina leggendaria di Kush, l’attuale Sudan. Secondo gli autori medievali sconfisse Alessandro e ne divenne amante.
  7. Efestione
    Ritratto marmoreo di Efestione

    Amico d’infanzia di Alessandro e compagno di tutte le sue battaglie, fu il grande amore della sua vita. Morì pochi mesi prima di lui, lasciando il re macedone nella più cupa disperazione.

  8. Cleopatra
    Figlia di Filippo II e di Olimpiade, quindi sorella di Alessandro. Sposò suo zio, Alessandro il Molosso, e lo sostituì alla guida del regno dell’Epiro. Dopo la morte di Alessandro tentò di salvare il trono della Macedonia.

Di questi dieci profili, quelli che più mi hanno colpita sono tre. Il primo è Olimpiade, madre naturale di Alessandro, donna ambiziosa e senza scrupoli. Pur di vedere il figlio governare non ha esitato a mettere in campo ogni tipo di strategia. La storia ce la consegna come manipolatrice e calcolatrice, ma a dobbiamo il merito di aver avuto il Grande Alessandro. La seconda figura è la madre di Dario III, Sisigambi. Dopo aver sconfitto l’esercito di Dario, Alessandro la chiamerà madre e in questa azione, che lei apprezzerà e in cui riconosce il valore di Alessandro, comprendiamo la lungimiranza politica di questo sovrano. Ultimo profilo è quello di Efestione, il vero amore di Alessandro. Uomo valoroso e profondamente legato al suo sovrano. Pare fosse addirittura più bello di lui, e il racconto della sua morte è veramente commovente. A parlare è Efestione:

Poi, l’epilogo. Era l’autunno del 324 ed eravamo a Hamadan, nella Media. Alessandro aveva organizzato un banchetto e si guardava intorno preoccupato: mancavo soltanto io. Avevo la febbre ed ero andato a letto. Il medico, Glauco, mi scrutava con un’ansia che non capivo.
Mi disse di non lasciare l’alloggio e di non toccare assolutamente nulla. Dopo di che se ne andò a teatro.
Avevo la febbre, ma non mi sentivo così male. In più avevo fame; minacciando il servo, mi feci portare del vino e un pollo lesso. Cose leggere, insomma. Mi sentii subito peggio e non riuscii neanche a capire che cosa mi dicesse il medico, tornato di gran carriera. Stetti così per sette giorni. Non miglioravo. Tutto, intorno, aveva il suono e il colore di certe nebbie sui nostri monti della Macedonia d’inverno. Alessandro non aveva voluto che si interrompessero i giochi che aveva organizzato, ma era angosciato. Mi veniva a trovare. Ci sorridevamo. E in quel sorriso c’era tutta la nostra vita.
L’ottavo giorno Alessandro presiedeva ai giochi. Corsero ad avvertirlo: peggioravo. Si precipitò. Arrivò troppo tardi. Non poté neanche rubare con un bacio la mia anima che fuggiva. Ma mi strinse, mi strinse, mi strinse tutta la notte e non volle lasciare il mio cadavere.
Fece impiccare il medico anche se ero stato io a disobbedire e non mangiò né bevve per tre giorni.

Insieme a questi ci sono gli altri profili più o meno noti, come Taide, che conosciamo per via di Dante poiché la inserisce all’Inferno e ognuno di essi ci restituisce un tassello importante non solo di un uomo che forse è stato tra i più grandi, ma anche della storia greca, di cui noi siamo gli eredi inconsapevoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...