Grimorio, una raccolta di racconti “stregati”

“Grimorio”, edito da ABEditore, è una raccolta di racconti e testi in cui sono narrate storie di streghe, cacciatori e pratiche magiche

La prima lettura fatta in questo 2022 è “Grimorio” edito da ABEditore. Ho letto questo libro all’interno del Gruppo di Lettura Instagram “Un anno tra le pagine”. La tappa di gennaio riguarda un libro che abbiamo ricevuto in regalo e io ho scelto proprio l’ultimo che mi è stato regalato.

Di questo libro ne avete sentito parlare molto anche perché le edizioni di ABEditore sono molto curate e forse è per quello che i suoi libri, per noi lettori, sono particolarmente accattivanti. “Grimorio”, infatti, è ricco di illustrazioni e la grafica accompagna il testo in maniera impeccabile e questo a noi lettori piace molto, ma ci piace anche e soprattutto il contenuto del testo.

“Grimorio” è, come suggerisce il titolo, una miscellanea di testi, racconti e saggi su determinati temi. Il volume fa parte della collana “Ombre e Creature” e questo libro ci propone una carrellata di storie e personaggi che appartengono alla sfera del mostruoso.

Il libro si divide in quattro parti: Sabba e Riti; Stregonerie e incantesimi; Le Streghe; Cacciatori e streghe. Ogni sezione è arricchita da altri testi tra cui alcuni a firma di Walter Scott.

Il volume, inoltre, è anticipato da una prefazione a firma di Giulia Ciarapica e seguito da un’appendice contenente altri brevi testi su tematiche inerenti i racconti.

In generale, la lettura del testo è molto accattivante, si lascia leggere velocemente, stuzzicando la curiosità del lettore. Alcuni racconti sono poco noti, così come i loro autori, e questo rende il libro ancora più interessante.

La voglia di approfondire la tematica, inoltre, viene alimentata nel lettore grazie ai testi che chiudono le singole sezioni. Ovvero, una serie di trattazioni inerenti la tematica affrontata, spesso narrazioni di fatti realmente accaduti. La maggior parte di questi testi sono tratti da “Demonologia e Stregoneria di Sir Walter Scott“. Nonostante ciò, avrei preferito un maggiore approfondimento della tematica, poiché i testi sono veramente ricchi di informazioni.

Concludendo, posso dire che il libro mi è piaciuto, ma il lettore che cerca un testo che parli del fenomeno della stregoneria ne può rimanere deluso, essendo il volume una raccolta di racconti e di testi che brevemente raccontano cosa accadeva in passato.

Infine, una piccola nota sul titolo. Per “Grimorio” si intende, secondo la tradizione, un libro di magia, in cui erano raccolte astrologia, pozioni, invocazioni, ovvero tutte quelle pratiche magiche che il suo possessore utilizzava per mettere in atto le arti magiche o pseudo tali.

Il libro di cui vi ho appena parlato non contiene nulla di tutto questo e quindi potrebbe essere fuorviante per chi cerca altro e, invece, si ritrova tra le mani un’opera letteraria. Ovviamente, il titolo è usato in senso lato e quindi come “raccolta” di racconti e non di pratiche magiche.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...